Entries tagged with “BCE”.


 

A Termoli si è svolta un’assemblea della Fiom in vista del prossimo sciopero generale del settore metalmeccanico di venerdì 9. L’iniziativa è stata molto partecipata. Numerosi gli interventi: da Stefania, delegata FIOM e operaia della Fiat Powertrain, a Jacopo Di Donato, coordinatore regionale dell’Uds, passando per le testimonianze di due compagne di Pomigliano in cassa integrazione da diversi mesi. Queste ultime particolarmente toccanti: “descrivere il lavoro alla linea di montaggio è impossibile, si può soltanto provare…” così ha aperto una delle due compagne che ha parlato di quanto sia alienante il lavoro in fabbrica. L’altra compagna si è scagliata contro il marchionismo e ha posto l’accento sulla particolare condizione delle donne, sfruttate due volte perché vittime di una beffarda discriminazione: “la gravidanza significa l’impossibilità di raggiungere i premi
produttivi”. Riportiamo di seguito, l’intervento integrale di Dario Urbisci per conto del Comitato molisano No-Debito.

(altro…)

Paolo Di Lella – Coordinamento molisano 15 Ottobre

Qualche settimana fa, sul sito de “Il Bene Comune”, è stato pubblicato il video di un’intervista che il direttore del mensile, Antonio Ruggieri, ha realizzato sulla manifestazione del 15 Ottobre scorso a Roma chiamando in causa Federica Ciarlariello in rappresentanza dell’uds, Nino Carpenito dell’Associazione Malatesta, Federica Amatista, giovane lavoratrice chimica, e due esponenti del Pdl che non vale neanche la pena menzionare…

Questo è il link dell’intervista: http://www.youtube.com/user/beneComuneTV#p/a/u/2/eX79fYEO01k

Dopo aver visionato il video non ho potuto fare a meno di buttare giù qualche considerazione che poi ho inviato alla redazione del mensile. Il giorno dopo sono stato contattato da Ruggieri e invitato a rilasciare a mia volta un’intervista che vi ripropongo in coda all’articolo e che dimostra come le mie perplessità in merito alla conduzione dell’intervista e ai relativi contenuti politici fossero tutt’altro che infondate. (altro…)

di Paolo Di Lella

La crisi del Capitale internazionale continua a far sentire i suoi effetti sulla pelle dei lavoratori. I dati negativi sulla disoccupazione, sulla produttività e sui consumi nelle aree a capitalismo avanzato sono la conferma che il peggio non è affatto alle spalle, come invece gli economisti “classici” continuano a ripetere. Gli indicatori economici ci permettono di tracciare un quadro in cui emerge sempre più nitidamente il carattere strutturale della crisi.

In tale contesto va inquadrata la questione della speculazione finanziaria, all’origine della quale c’è la sovraccumulazione di capitale precedente la crisi, mentre i suoi effetti rispondono alla logica naturale o per meglio dire, al fisiologico andamento delle “bolle” causate dal facilitamento dell’accesso al credito col quale si è creduto di risolvere il problema della contrazione del potere d’acquisto.

(altro…)